23.1.15

Around the World Blogs Hop: quattro cose che voglio raccontarvi di me.


Mi ritengo una persona piuttosto riservata, il blog mi serve soprattutto per raccontare quello che faccio dal punto di vista creativo e non ciò che sono.
Così, quando di recente sono stata invitata da Laura di Vivere a piedi nudi a partecipare all' around The World Blog Hop, ci ho pensato un pochino, ma poi ho creduto fosse giusto raccontarvi un po' di me e del mio mondo creativo.
L'iniziativa, infatti è mirata a far conoscere meglio le personalità delle bloggers e, perchè no, anche a far conoscere ai propri followers altre creative.
L'Around the World Blog Hop  consiste nel rispondere a quattro precise domande:

  • A che cosa sto lavorando
  • In che cosa il mio lavoro si differenzia da quello degli altri del suo genere
  • Perchè faccio ciò che faccio
  • Come funziona il mio processo creativo

A cosa sto lavorando.


Come accade a molte persone appassionate di creatività, anche io ho sempre più di un progetto che bolle in pentola, trovo difficile tenere a bada le idee e non provare a vedere subito la loro fattibilità.
Dopo il workshop alla Henkel, vi devo confessare che si è aggiunta una nuova passione: quella dei bijoux di carta. Il fatto è che creatività e ripetitività non vanno assolutamente d'accordo, quindi trovo normale la mia voglia di spaziare e sperimentare. Non vedo l'ora di potervi mostrare ciò che ho combinato, (appena un raggio di sole farà capolino tra le nuvole farò qualche foto).

uprecycling riciclo creativo



In che cosa il mio lavoro si differenzia da quello degli altri.

Se parliamo del mio lavoro, anche se a volte la mia creatività sconfina su nuovi lidi, allora dobbiamo parlare di riciclo creativo della plastica. Be' credo si differenzi dagli altri perchè c'è molto di me e della mia personalità, del mio modo di vedere in maniera fanciullesca la realtà. Dal punto di vista creativo sento di essere ancora la bambina che usava la sua ciabatta come macchina di Barbie. 

Perchè faccio ciò che faccio

Come prima risposta mi viene da dire: perchè ciò che faccio mi fa stare bene, mi aiuta ad affrontare anche altri aspetti della vita meno piacevoli, perchè facendo ciò che faccio sento di poter brillare anche a luce spenta.
Posso aggiungere che creare qualcosa di decorativo che riesca a dare tocchi di personalità ad un angolo di casa utilizzando materiali che normalmente la gente cestina, mi gratifica enormemente e mi riempie di soddisfazione.

creazione con la plastica delle bottiglie


Come funziona il mio processo creativo.

Prima di tutto circondandomi dei miei materiali creativi preferiti. Nel mio mini angolo craft ho stipati tappi di plastica divisi per colore e fondi di bottiglia già tagliati che non aspettano altro di essere infilati per farne delle ghirlande, delle farfalle. dei mini tutu o addirittura delle teste di cervo.
Altro fattore molto importante è l'osservazione, mi fisso ad osservare cose di uso quotidiano come se fosse la prima volta che le vedo. Questo le priva della loro identità e mi aiuta a dargliene una nuova.
Spesso nei miei progetti creativi includo elementi della natura. Quando riesco a mixarli con materiale di riuso raggiungo picchi di soddisfazione altissimi.

creations with the bases of plastic bottles


Ora sapete qualcosa in più di me, almeno dal punto di vista creativo.
A questo punto non mi resta che fare i nomi di tre Bloggers da far partecipare all'Around the World Blog Hop. Ho la fortuna di conoscerle dal vivo tutte e tre, il loro blog sono:

13 commenti:

  1. Evviva, grazie per aver deciso di partecipare! Ne sono felice perché amo scoprire i processi creativi e da dove prenda ispirazione la fantasia.
    E poi... Come mai non ho mai pensato a fare una macchina di Barbie con una ciabatta? Bellissimo!

    RispondiElimina
  2. E' un bell'invito e una bella occasione per aprirci un po'.Sono contenta di aver aderito e ringrazio te per avermi coinvolto!
    (ma come non ci hai mai pensato, è una perfetta cabriolet ;-)

    RispondiElimina
  3. Beh! Che dire...ormai dopo tanti anni, posso dire di conoscerti abbastanza bene e nonostante la tua riservatezza, ho la fortuna di avere come amica una persona speciale, dal cuore d'oro, con un grande "humor" e un grande talento artistico. Adesso basta però altrimenti finisci per montarti la testa :-D
    Bellissimo questo post Giorgia e complimenti a Lallabel per questa bella iniziativa! Dopo essermi persa tra le parole della tuo racconto, mi ha preso un colpo quando ho letto il nome del mio blog! Non è facile aprirsi e raccontarsi, ma grazie per l'invito.
    Un abbraccio grande grande.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei matta, mi hai fatto venire gli occhi lucidi, sul serio!!!
      He, He, c'era il colpo di scena, non potevo non passarti il testimonial e darti l'occasione di far conoscere te e la tua personalità creativa cara Manu!
      Grazie di cure per questo commento, sono sicura che ogni tanto verrò qui a rileggermelo ;-)

      Elimina
    2. volevo dire di cuore :-)

      Elimina
  4. Sei una bella persona cara Giorgia, e grazie alla Henkel ho avuto modo di apprezzarti di più. E confermo nel tuo mondo di plastiche colorate dalle mille forme brilli!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmh che bello quel sabato!
      Grazie, grazie davvero per queste bellissime parole, anche per me è stato bello conoscerti meglio e toccare con mano tutta la tua contagiosa frillosità!

      Elimina
  5. Grazie per aver condiviso un po' di te.
    P.S. l'alce (o renna che sia) è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un autentico piacere cara Gemma!
      Pensavo più ad un cervo, comunque è uguale, grazie!!!

      Elimina
  6. Bello sapere un po di più di chi ne ammiro moltissimo la creatività e bella la maniera nella quale "ti sei raccontata". Quindi... bello tutto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Shrita, mi lusinghi davvero!
      Diciamo che le cose spontanee vengono bene :-)

      Elimina
  7. La parte che più mi affascina è quella sui meccanismi del processo creativo.
    Rispetto agli altri credo che tu sia davvero unica in questo:
    non ti circondi del solita allegro disordine,del caos colorato,che generalmente accompagna il lavoro di molti creativi,ma tieni i tuoi materiali in ordine,come se rocchetti,tappi e nastri fossero già una decorazione della casa,e li trasformi in uno piacevole stimolo visivo che alimenta la tua ispirazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione: quei materiali sono già di persè decorativi!

      Elimina

QUI POTETE LASCIARE UN VOSTRO PENSIERO